LA CITTA' DI URBINO
condividi

 

La storia

La città di Urbino il cui centro storico nel 1988 è stato inserito tra i patrimoni dell' Unesco, fu una delle più significative realtà del Rinascimento Italiano del quale ancora oggi conserva appieno l'eredità architettonica.

Il nome della città in epoca romana era Urvinum Mataurense.  Essa passò sotto il dominio prima dei Goti, quindi dei Longobardi e poi dei Franchi. Infine fu offerta allo Stato della Chiesa. Ma è a cavallo tra il 1200 ed il 1500 sotto la Signoria dei Montefeltro che la città prese l'aspetto che in parte ancora oggi ha, con le sue cinta murarie.

 

L'esponente più famoso e ricordato dei Montefeltro fu Federico che, Signore di Urbino tra il 1444 e il 1482, oltre alle sue doti di condottiero e diplomatico dimostrò grande interesse per arti e letteratura. A lui si devono grandi opere di sistemazione urbanistica della città, al fine di renderla più al passo coi tempi e la costruzione del maestoso Palazzo Ducale, attualmente sede della Galleria Nazionale delle Marche .

Successivamente Urbino passò in mano allo Stato Pontificio. Fu durante questo periodo, sotto il controllo del papa già cardinale urbinate Giovanfrancesco Albani, eletto nel 1701 con il nome di Clemente XI, che la città si aprì all'ultima grande stagione di splendore. Sotto il profilo artistico-culturale, numerose furono le ristrutturazioni di edifici noti come il Palazzo Comunale e di chiese, tra cui l' Oratorio di San Giuseppe e gli interni di San Francesco, San Domenico e Sant'Agostino. Il mecenatismo della famiglia del papa portò anche a ricche donazioni alla Cattedrale, come quella del nuovo altare.

Nel 1860 la città venne annessa al Regno di Sardegna e conseguentemente al Regno d'Italia per plebiscito. Il nuovo governo attuò quindi un inevitabile confisca di parte dei beni ecclesiastici. Ad inizio del XX secolo nacque e inziò un rapido sviluppo della sua Università che ancora oggi la contraddistingue come città campus.

 



Luoghi da visitare

La città scampò miracolosamente ai bombardamenti tedeschi durante la seconda guerra mondiale ed è rimasta quasi intatta all'interno delle mura rinascimentali. Tra i luoghi di interesse di maggior rilievo segnaliamo :



L'Oratorio San Giovanni
 L'Oratorio San Giovanni
 

 

  • Il Palazzo Ducale
  • Il Palazzo del Collegio Raffaello
  • La casa di Raffaello
  • Il Duomo
  • Il Museo Albani e le Grotte del Duomo
  • L'ex Monastero di Santa Chiara
  • La Data e la Rampa elicoidale
  • Il Teatro Sanzio
  • La Chiesa ed il convento di San Francesco
  • La Chiesa di San Domenico
  • L'ex convento dei Carmelitani Scalzi e la Chiesa della Santissima Annunziata intra muros
  • L'oratorio di San Giovanni
  • L'oratorio di San Giuseppe
  • L'Orto Botanico
  • Il Mausoleo dei Duchi
  • La Casa della Poesia
     

Questi sono solo alcuni dei luoghi da visitare, ve ne sono numerosi altri, incluse le piazze civiche più famose, come piazza della Repubblica e piazza Rinascimento. Se ne avrete voglia vi accompagneremo a visitarle anche con l'ausilio di guide autorizzate che potranno spiegare i tanti retroscena che tali opere celano. 


 

 

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, CONSULTA LA COOKIE POLICY.
Cliccando sul pulsante acconsenti all’uso dei cookie.